Articles in Category: News

VILLA VIVA edizione 2016

LABORATORI APERTI A VILLA FABRIS

VILLA VIVA edizione 2016

Fondazione Villa Fabris riapre le porte al pubblico per una nuova edizione di Villa Viva che si terrà l'8 e 9 ottobre prossimi in Villa Fabris a Thiene.

Polo culturale di riferimento nel panorama locale, la Fondazione si propone di sviluppare la creatività, la formazione e la ricerca come strumento di crescita culturale.

In stretta collaborazione con i propri partner, oggi Fondazione Villa Fabris offre una rinnovata ed ampliata gamma di servizi: il Centro europeo per i mestieri del patrimonio per l'artigianato e la conservazione, SK Idea per comunicare con il mondo, Cooperativa Verlata con le sua attività a carattere sociale e le specialità enogastronomiche di Gustarti, Ludus Musicae per i percorsi musicali. ViFX per impadronirsi del mondo degli effetti speciali e Villa 6 Sharing Bar per gioire del parco in relax.

Scarica qui il programma completo.

Thiene: il console coreano Hang Jae-Bok in visita al centro dei mestieri di Villa Fabris

In vista c’è l’organizzazione di un evento nazionale sulle qualità e l’utilizzo della carta coreana nel campo del restauro

Il Console Generale della Repubblica di Corea a Milano, Hang Jae-bok, è giunto oggi a Thiene per una visita al Centro Europeo per il Mestieri del Patrimonio che ha sede a Villa Fabris, per approfondire la conoscenza delle sue attività.  Accompagnato dalla viceconsole Jang Eun Kyoung, l’ospite è stato ricevuto dal sindaco di Thiene, Giovanni Casarotto, dal presidente di Confartigianato Vicenza, Agostino Bonomo, e dal presidente del Mandamento thienese, Andrea Piovan. A fare gli onori di casa sono stati Christian Malinverni, presidente della Fondazione Villa Fabris, e il direttore Giovanni Giuliari.

Il Console ha voluto visitare di persona la struttura del Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio in quanto interessato a promuovere una manifestazione a livello nazionale sull’uso della carta coreana nel restauro. 
Artigiani e aziende del settore hanno infatti indicato al rappresentante della Repubblica di Corea proprio la Fondazione Villa Fabris quale realtà più idonea a ospitare l’importante evento, che sarà organizzato in anteprima alla Città del Vaticano e poi, a novembre, in una località del Nordest d’Italia.

Il Console ha avuto modo di apprezzare gli spaziosi e attrezzati laboratori di Villa Fabris, la sua bellezza e i servizi a supporto dell’attività formativa come la foresteria, le aule didattiche, i servizi di interpretariato, la caffetteria. 
I rappresentanti delle istituzioni locali hanno voluto far presente al Console la vivacità dell’imprenditoria vicentina e la sua grande capacità di esportazione in Corea (secondo i dati Istat, nel 2015 le esportazioni manifatturiere della provincia di Vicenza in Corea del Sud sono valse 160 milioni di euro,

ovvero +22,5% rispetto al 2014) auspicando che la scelta del Consolato ricada proprio su Thiene.

L’attenzione riservata alla Fondazione Villa Fabris conferma ancora una volta come, nell’ambito del mondo del restauro, il Centro goda di una grande credibilità per la qualità delle attività formative che da anni ospita: un corso nazionale sull’uso della carta coreana ne sarebbe l’ulteriore conferma.

La carta coreana, prodotta principalmente con la pianta del “gelso della carta”, è famosa infatti per la sua qualità fin dai tempi più antichi. Il Consolato della Repubblica Democratica di Corea intende promuoverla in Italia e in Europa, convinto della sue ottime qualità anche nel campo della pittura.

GAL - manifestazione di interesse

GAL - manifestazione di interesse

In adesione al bando della Misura 19 "Sostegno allo sviluppo locale LEADER", il GAL Montagna Vicentina ha adottato la Manifestazione di Interesse con la Proposta di Strategia di Sviluppo Locale, preliminare per l'elaborazione del Programma di Sviluppo Locale 2014 - 2020.

pdf Scarica qui la Manifestazione di interesse e la Proposta di Strategia di Sviluppo Locale (554 KB)

IL PARTENARIATO: Il GAL Montagna Vicentina è un partenariato tra soggetti pubblici e privati che partecipano allo sviluppo locale di tutto il territorio montano della Provincia di Vicenza. Opera dal 1994 con la missione di animazione territoriale, definizione dei fabbisogni e coordinamento delle progettualità. Il Programma di Sviluppo Locale (PSL), in corso di elaborazione sulla struttura della presente Proposta, sarà complementare e coerente agli obiettivi individuati dal Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2014 - 2020. Il piano di azione del GAL si strutturerà infatti su un set di Misure ed Interventi previsti dal PSR per lo sviluppo locale. Per l'orientamento strategico e la sintesi degli strumenti vedi la GUIDA con la SINTESI DELLE MISURE ATTIVABILI

LA PROPOSTA: La proposta di Strategia focalizza su tre ambiti di interesse, individuati come strategici per lo sviluppo dell'area sulla base dell'analisi di contesto, delle vocazionalità del territorio e degli orientamenti espressi dal partenariato e dalle comunità locali:

Turismo sostenibile
Valorizzazione del patrimonio culturale e naturale delle aree rurali
Sviluppo e innovazione delle filiere e dei sistemi produttivi locali (agro-alimentari, artiginali e manifatturieri)
I PROGETTI CHIAVE: Una delle princiapali novità del LEADER nella Programmazione 2014 - 2020 sono i "Progetti Chiave". Un "progetto chiave" è un progetto "integrato" (strutturato cioè su una molteplicità di interventi e di soggetti attuatori sia pubblici che privati) che agisce su un obbiettivo comune di sviluppo del territorio.

Il "progetto chiave" è una modalità di attuazione per progetti integrati, finalizzati al consolidamento e al rafforzamento di specifiche opportunità di sviluppo, ovvero alla soluzione di particolari criticità e problematiche, con riferimento ad una specifica area o sistema territoriale piuttosto che ad un prodotto/filiera/settore/sistema oppure ad un particolare percorso/processo/fase di sviluppo, possibilmente caratterizzati da elementi e/o approcci innovativi"

Come funziona?

Per il soggetto attuatore PUBBLICO: La partecipazione ad un progetto chiave prevede la possibilità per l'ente pubblico di essere individuato quale beneficiario predeterminato per gli interventi del progetto che sono di sua competenza e responsabilità. Il GAL attiverà cioè un intervento "a regia" individuando il soggetto pubblico beneficiario.

Per il soggetto attuatore PRIVATO: Per i soggetti privati facenti parte della partnership proponente un progetto chiave, l'accesso alla Misura del PSL di riferimento per gli interventi di sua competenza e responsabilità passerà necessariamente attraverso un bando pubblico. Tale bando tuttavia, individuerà i criteri ed i punteggi opportuni affinchè i soggetti selezionati rispondano esattamente alla logica e agli interventi del progetto chiave proposto.

Nella Proposta elaborata, i progetti chiave sono strutturati coerentemente agli ambiti di interesse individuati. La loro definizione passerà attraverso i tavoli e laboratori che saranno realizzati a partire dal prossimo mese di gennaio nelle 7 aree amministrative che compongono l'Ambito Territoriale del GAL, attraverso un lavoro di accorpamento e messa in rete delle priorità e delle proposte emerse. (A breve sarà pubblicato e diffuso il calendario dei tavoli)

Avviso di selezione per la gestione della caffetteria di Villa Fabris

Avviso di selezione per la gestione della caffetteria di Villa Fabris

Offriamo la possibilità di avviare un'attività prevalentemente diurna, salvo eventi particolari programmati nel parco, in stretta collaborazione con Fondazione Villa Fabris.

Per tutte le informazioni e le modalità di presentazione della domanda, scaricate qui sotto i documenti necessari:

Inoltre è obbligatorio effettuare un sopralluogo, da fissare con la Segreteria della Fondazione chiamando il nr. 0445 372329 dalle ore 9 alle ore 13, dal lunedì al venerdì, il cui verbale sarà allegato alla domanda.

Assistenza alla domanda per la qualifica professionale di restauratore

Assistenza alla domanda per la qualifica professionale di restauratore

La Segreteria del Servizio Restauro è operativa presso la sede provinciale di Confartigianato Vicenza a Vicenza, via E. Fermi 134, secondo i seguenti orari:

-          martedì dalle ore 14.30 alle 17.30 e mercoledì dalle ore 8.30 alle ore 13.00 e dalle ore 14.30 alle 17.30

e presso la sede di Fondazione Villa Fabris, Via Trieste 43, Thiene, Vicenza

-         lunedì e giovedì dalle ore 8.30 alle 17.30 

Per informazioni e appuntamenti è possibile telefonare al numero 0444/168366 o inviare una e-mail all’indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Tale servizio é  utilizzabile da operatori su tutto il territorio nazionale ed è quindi disponibile anche via web al sito dedicato:

qualificarestauro.villafabris.eu

Per agevolare tutti gli operatori nella predisposizione della documentazione necessaria a presentare la domanda di qualifica, abbiamo predisposto una GUIDA ALLA DOMANDA PER LA QUALIFICA DI RESTAURATORE. Sarà infatti importante che ogni restauratore raccolga tutto il materiale e lo organizzi in modo molto accurato (preferibilmente prima dell’uscita del bando), in modo da poter ridurre i rischi di problemi organizzativi e tecnici.

Scarica QUI la GUIDA RAPIDA alla domanda di qualifica

 

Riconsegnate le statue dei Santi Pietro e Paolo nella Piazzetta del Duomo di Thiene

Riconsegnate le statue dei Santi Pietro e Paolo nella Piazzetta del Duomo di Thiene tornate alla loro originaria bellezza.
Thiene ha accolto con entusiasmo questo recupero del patrimonio storico-artistico locale reso possibile grazie al sodalizio tra il Lions Club Thiene Colleoni e il Centro europeo per i mestieri del patrimonio di Villa Fabris, e con la collaborazione di Confartigianato Vicenza.

ASSISTENZA E CONSULENZA PER QUALIFICA RESTAURATORI E COLLABORATORI RESTAURATORI

ASSISTENZA E CONSULENZA PER QUALIFICA RESTAURATORI E COLLABORATORI RESTAURATORI

Con l'approvazione delle Linee Guida applicative dell'art. 182 del Codice dei Beni Culturali sulla qualifica dei restauratori sarà a breve possibile presentare le relative domande al Ministero dei Beni Culturali.

Da mercoledì 24 settembre è possibile presentare domanda per la qualifica di Collaboratore restauratore.

La scadenza delle domande è fissata alle ore 12,00 del prossimo 24 ottobre 2014.

Se interessati ai servizi di consulenza e assistenza per la presentazione delle domande, contattate:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
tel. 0444/168323-427 (rif. Dr. Valentina Saccarola)
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. tel. 0445/372329

 

SAVE THE DATE!

Seminario

"QUALIFICA RESTAURATORI E COLLABORATORI RESTAURATORI: TUTTE LE NOVITA'"
Sabato 18 ottobre ore 10
Villa Fabris Thiene

Scarica QUI la locandina

Qualifiche di restauratore e di collaboratore restauratore di beni culturali

Qualifiche di restauratore e di collaboratore restauratore di beni culturali

L'articolo 182 del Codice prevede che, in attesa dell'attivazione di specifici corsi universitari, la qualifica di restauratore e di collaboratore restauratore di beni culturali si acquisisca mediante un'apposita procedura di selezione pubblica, da concludersi entro il 30 giugno 2015.

Le linee guida, adottate come previsto sentite le organizzazioni imprenditoriali e sindacali più rappresentative, costituiscono l'indirizzo interpretativo per la valutazione dei requisiti in possesso degli operatori interessati.

In particolare: dei titoli di studio, delle attività di restauro svolte e delle competenze autocertificate. Le linee guida saranno consultabili sul sito www.beniculturali.it non appena vagliate dagli organi di controllo.

Il bando per l'apertura dei procedimenti telematici sarà anch'esso pubblicato nei prossimi mesi.

Lo spagnolo nuova lingua del Centro europeo

Grande evento per Fondazione Villa Fabris, a Venezia giovedì 5 giugno scorso, con il neo-presidente Christian Malinverni e il presidente di Confartigianato Vicenza Agostino Bonomo per siglare accordi di collaborazione con il governo peruviano e il ministro del commercio estero e del turismo Magali Silva Velarde - Alvarez Questo incontro rappresenta un passo davvero importante per uno scambio internazionale di know-how , di competenze e di nuovi percorsi formativi. Al via quindi il corso trimestrale di Conservazione del Patrimonio Architettonico anche in spagnolo!

Fondazione Villa Fabris firma la Carta Internazionale dell'Artigianato Artistico

Fondazione Villa Fabris firma la Carta Internazionale dell'Artigianato Artistico

Presentata e siglata ufficialmente nel gennaio 2010 dal nucleo originario, la Carta, sostenuta da soggetti promotori e sostenitori, ha iniziato un percorso di ampia condivisione.

Fondazione Villa Fabris aderisce con entusiasmo alla rete di centri ed istituzioni già attive in uno spirito di condivisione della propria esperienza.

La Fondazione concorda nel considerare lavorazioni artistiche anche le attività di restauro quali gli interventi finalizzati alla conservazione, al consolidamento e al ripristino di beni di interesse artistico o del patrimonio architettonico, archeologico, etnografico, bibliografico ed archivistico.

In quanto centro di formazione internazionale, si impegna all'attivazione di un sistema europeo di centri di eccellenza che abbiano l'artigianato artistico tradizionale e la trasmissione dei mestieri d'arte antichi all'interno dei loro percorsi formativi per un costante aggiornamento per gli artigiani e gli operatori del settore.

Carta Internazionale dell'Artigianato Artistico

Investire nel restauro degli edifici storici per creare PIL

Investire nel restauro degli edifici storici per creare PIL

Riqualificare gli edifici storici attraverso una destinazione d'uso che li renda vivi e fruibili, un obiettivo irrinunciabile per trasformare in una fonte di valore un patrimonio che altrimenti è destinato ad assorbire solo risorse o, peggio, in mancanza di esse, a deperire inesorabilmente. Se n'è parlato in Villa Fabris a Thiene.

Investire nel restauro degli edifici storici per creare PIL

Restauro e la destinazione d'uso di edifici storici. Come è andata.

Restauro e la destinazione d'uso di edifici storici. Come è andata.

Grande e qualificata affluenza al Convegno di sabato scorso, 29 marzo, sul Restauro e la destinazione d'uso di edifici storici.
L'incontro ha dato una lettura positiva ed incoraggiante delle iniziative volte al recupero del patrimonio storico-artistico con un approccio progettuale contemporaneo.
Nel doveroso rispetto delle caratteristiche originali e monumentali degli edifici, investire nel riuso degli edifici storici arricchisce il territorio di opportunità economiche, sociali e culturali e allo stesso tempo contribuisce a risolvere il gravoso problema dei costi di conservazione e manutenzione degli stessi.
Palazzo Chiericati, la Basilica palladiana e la Chiesa di San Vincenzo a Vicenza sono testimonianze prestigiose di quanto un progetto di riuso possa essere proficuo e lungimirante nella valorizzazione del territorio.