Jonathan Wilder Stanley Hoyte è nato nel 1972 a Stanford, California.
Si è laureato in storia dell’arte nel 1993 alla Stanford University e, dopo di aver eseguito dei tirocini presso il Metropolitan Museum di New York e il Peggy Guggenheim Museum di Venezia, ha completato il diploma in restauro di materiali lapidei e di ceramica presso l’Istituto per l’Arte e il Restauro “Palazzo Spinelli”.
In seguito ha collaborato con i laboratori di restauro del Fine Arts Museums di San Francisco e del Cloisters Museum di New York, prima di mettere radici in Italia. Vive a Venezia da quasi vent’anni, dove opera nella conservazione di sculture e di monumenti storici, diventando un riferimento nel restauro della pietra.
I suoi progetti includono la conservazione di monumenti e statue in Francia, Romania, Italia e Stati Uniti.
Jonathan, in particolare, ha accumulato una vasta esperienza nell’utilizzo del laser per la pulitura della pietra e del marmo bianco, e ha presentato i suoi lavori con convegni e pubblicazioni in Italia, a Londra (Lacona Conference) e a New York (Biblioteca pubblica).
Appassionato di alpinismo, dal 2012 Jonathan è riuscito ad integrare questa abilità con l’interesse per la conservazione della pietra e ha fondato anche una società specializzata nell’uso di corde per accedere a aree problematiche dei monumenti senza l’uso di ponteggi per il monitoraggio, controllo e stabilizzazione delle facciate di molti edifici storici, soprattutto a Venezia.

Lascia un commento