A Villa Fabris arrivano da tutta Italia e dall’estero

É venuto dall’Australia con il proprio figlio apprendista per poter imparare la tecnica della pittura decorativa proposta dal Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio di Villa Fabris.

Mark Stanford, un qualificato artigiano di Bronte, una cittadina a pochi chilometri da Sidney, ha percorso oltre 14 mila kilometri per poter partecipare ad un corso personalizzato (one to one) di tre giorni studiato appositamente dalla docente del Centro Europeo, Umberta Trevelin, a dimostrazione di quanto siano riconosciuti, a livello internazionale, i laboratori di restauro e conservazione del patrimonio architettonico di Villa Fabris.

La scelta formativa del Centro Europeo di personalizzare i corsi sta incontrando interesse da parte degli operatori tanto che, anche in questi giorni, i laboratori di Villa Fabris stanno ospitando, sotto la guida del maestro artigiano veneziano, Giuseppe Trolese, tre professionisti del settore, una valdostana, un emiliano ed un francese, per un corso intensivo di tre giorni sul marmorino veneziano.

E tutto questo alla vigilia di un workshop che ha riscosso un interesse al di sopra di ogni aspettativa e che il Centro Europeo ha dovuto replicare per ulteriori due edizioni. La restauratrice palermitana Ambra Giordano, allieva del prof. Paolo Cremonesi, sarà infatti a Villa Fabris il prossimo 11 e 12 ottobre per presentare un’innovativa procedura di utilizzo del gelificante naturale agar che, oltre ad essere usato in cucina e in agricoltura, può trovare ora impiego anche nel campo del restauro. Una scoperta interessantissima e che la Casa editrice Il Prato di Padova ha raccolto in una pubblicazione che sarà consegnata a tutti i partecipanti.

Un workshop molto atteso e che ha visto l’adesione di una sessantina di operatori del settore provenienti da tutta Italia, America, Svizzera e Spagna e che ha costretto il Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio a programmare una seconda edizione del workshop per il 22 e 23 novembre ed una terza per il 6 e 7 dicembre.

La conclusione dell‘esperienza quarantennale dei corsi trimestrali per la conservazione del patrimonio architettonico, dovuta al venir meno delle borse di studio rilasciate dai principali Paesi Europei, non ha quindi cambiato la vocazione formativa internazionale di Villa Fabris che sta invece affermandosi sempre più come il luogo ideale in cui far crescere e dare spazi a quanti hanno un’attenzione particolare ai bisogni del territorio, in particolare a quelli culturali, artistici e nel campo dell’innovazione tecnologica.

Artigiani pronti a collaborare con i restauratori

Villa Fabris ha ospitato nei giorni scorsi un gruppo di imprenditori artigiani che, per la prima volta in Italia, hanno conseguito un attestato di partecipazione ad un corso di formazione finalizzato a conseguire le competenze per poter eseguire, sotto la direzione e il controllo di un restauratore di beni culturali, varie fasi di lavorazione nell’ambito del settore del restauro in arredi e strutture lignee e nei telai per dipinti antichi e contemporanei.

Si tratta di quelle figure che il Codice dei beni culturali qualifica come “i tecnici di restauro con competenze settoriali”, di cui la legislazione italiana non ha ancora provveduto a definirne i percorsi formativi.

Per questo la Regione del Veneto, grazie all’azione sindacale di Confartigianato Imprese Vicenza e la collaborazione del suo centro di formazione Cesar e del Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio di Thiene, ha intelligentemente raccolto l’invito del mondo imprenditoriale attivando, grazie al Fondo Sociale Europeo, una specifica linea di contributi che hanno consentito ad una ventina di artigiani vicentini di partecipare gratuitamente ai due percorsi sperimentali di formazione di 140 ore, fornendo elementi importanti perché quanto prima si arrivi a delineare l’iter formativo a livello nazionale.

Un progetto quindi “apripista” svolto soprattutto nei laboratori del Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio di Thiene e che ha visto la collaborazione di molti partner del territorio, dall’Associazione Liberi Architetti di Vicenza all’Università di Padova, dal Comune di Vicenza ai Musei civici di Bassano del Grappa, dal Castello di Thiene al Museo diocesano di Vicenza, dal CNR Ivalsa di Sesto Fiorentino all’Engim Veneto di Vicenza – Professioni del Restauro presso il quale sono state svolte alcune altre ore di formazione.

Alla cerimonia di consegna degli attestati, nel salone nobile di Villa Fabris, oltre agli artigiani partecipanti, hanno presenziato il sindaco di Thiene Giovanni Casarotto, il componente della Giunta provinciale di Confartigianato Imprese Vicenza, Nerio Dalla Vecchia, il Presidente di Confartigianato Imprese categoria Restauro e arti varie Alberto Finozzi, il Presidente e il responsabile del Cesar di Vicenza Carlo Pellegrino e Marco Amendola, la restauratrice Barbara D’Incau in rappresentanza dell’Engim Veneto di Vicenza e il segretario dell’Associazione Villa Fabris Giovanni Giuliari.

Nei loro interventi hanno voluto mettere in evidenza come la formazione sia una leva strategica per mantenere e sviluppare il grande patrimonio culturale del territorio e soprattutto come le imprese artigiane abbiamo saputo cogliere questa opportunità di specializzarsi nel settore degli arredi e strutture lignee, nonché in quello di telai di dipinti antichi e contemporanei, acquisendo delle competenze da dei maestri artigiani che, diversamente, avrebbero visto andare perse tutte quelle tecniche ed abilità che contraddistinguono queste lavorazioni.

Dopo tre anni di attesa, pubblicati gli elenchi dei restauratori di beni culturali abilitati all’esercizio della professione

Dopo più di 3 anni dalla pubblicazione del bando, il 28 dicembre 2018 il Mibac con i decreti 183 e 192, ha finalmente comunicato nella sezione del sito dedicata alla Direzione Generale Educazione e Ricerca, gli elenchi dei nominativi abilitati all’esercizio della professione di “Restauratore di beni culturali” ex art. 182 ed ex art. 29 del decreto legislativo 22 gennaio 2004 n. 42 (Codice dei beni culturali e del paesaggio). Continua a leggere Dopo tre anni di attesa, pubblicati gli elenchi dei restauratori di beni culturali abilitati all’esercizio della professione

Qualifica di restauratore di beni culturali: dal 22 ottobre 2018 possibilità di verificare la propria posizione

La Gazzetta Ufficiale, serie generale nr. 240 del 15 ottobre 2018, a pagina 53, ha in questi giorni pubblicato il seguente comunicato: Continua a leggere Qualifica di restauratore di beni culturali: dal 22 ottobre 2018 possibilità di verificare la propria posizione

Qualifica restauratori: a breve la pubblicazione della conclusione del lavoro della commissione Mibact

Nuova nota di Confartigianato restauro dopo l’aggiornamento sull’istruttoria relativa alla qualifica dei restauratori del maggio scorso. Continua a leggere Qualifica restauratori: a breve la pubblicazione della conclusione del lavoro della commissione Mibact

La fondazione Villa Fabris per l’anno europeo del patrimonio: corsi di formazione sulle decorazioni artistiche, le integrazioni scultoree lapidee, il disegno e la pittura

Sostenere il Patrimonio culturale favorendo la formazione continua di quanti hanno a cuore le bellezze dei loro territori e promuovendo iniziative che forniscano strumenti e occasioni per scoprire la propria creatività.

Continua a leggere La fondazione Villa Fabris per l’anno europeo del patrimonio: corsi di formazione sulle decorazioni artistiche, le integrazioni scultoree lapidee, il disegno e la pittura

150 mila euro di Cariverona per il Progetto “Archiporto”

É stato un bel gioco di squadra quello che ha fatto sì che alla Fondazione Villa Fabris di Thiene, dove opera il Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio, sia stato concesso dalla Cariverona un contributo di 150 mila euro per la realizzazione di un interessante progetto sulla valorizzazione e divulgazione dei fondi archivistici.

Continua a leggere 150 mila euro di Cariverona per il Progetto “Archiporto”

La Fiera di Monaco di Baviera chiama il Centro Europeo di Villa Fabris

Sono arrivati di persona a Thiene, in Villa Fabris, il Capo dipartimento della Camera degli Artigiani di Monaco Wolfgang Losche e la sua Vice Angela Bock, per invitare Il Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio ad essere presente alla prossima Fiera Internazionale dell’Artigianato che si terrà a Monaco di Baviera dal 7 al 13 marzo p.v. Continua a leggere La Fiera di Monaco di Baviera chiama il Centro Europeo di Villa Fabris