Articoli

SUMMER SCHOOL di aggiornamento e perfezionamento in conservazione del patrimonio archivistico

Da sempre la nostra Associazione ha a cuore la formazione e la trasmissione dei saperi.
Il Codice dei beni culturali e del paesaggio (Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n. 42) articola chiaramente la conservazione del patrimonio culturale in una “coerente, coordinata e programmata attività di studio, prevenzione, manutenzione e restauro” (art. 29, c.1). Di queste attività, “gli interventi di manutenzione e restauro […] sono eseguiti in via esclusiva da coloro che sono restauratori di beni culturali” (art.29, c.6).

Oltre al percorso formativo di base, che lo stesso Codice dei beni culturali affida alle scuole e ai centri di formazione appositamente accreditati dal Ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo (MiBACT) in concerto con il Ministero dell’università e della ricerca (MIUR), il bagaglio indispensabile per la crescita professionale dei restauratori e dei collaboratori restauratori è costituito dalle esperienze di aggiornamento permanente che consentano loro di confrontarsi sui principi che indirizzano il restauro, nonché di conoscere e applicare metodiche di intervento – tradizionali e innovative – dei quali possano valutare l’efficacia e l’invasività.

In questa prospettiva abbiamo promosso, in collaborazione con il Dipartimento di Studi Umanistici, corso di laurea magistrale in Storia e gestione del patrimonio archivistico e bibliografico dell’Università Ca’ Foscari, Venezia, una SUMMER SCHOOL di aggiornamento e perfezionamento in conservazione del patrimonio archivistico che si inserisce nell’ambito del “Progetto Archiporto, l’archivio del castello di Thiene nella rete degli archivi vicentini” sostenuto dalla Fondazione Cariverona e che oltre alla nostra Associazione vede la partecipazione della Biblioteca Civica Bertoliana di Vicenza, Castello di Thiene, Fies Core/Centrale Fies di Dro (TN), Università IUAV di Venezia, MeLa Media Lab. Tale progetto prevede, nel triennio 2018-2020, lo studio, il censimento, la conservazione, la digitalizzazione, la messa in rete e la valorizzazione di uno dei più importanti archivi di famiglia in Veneto, quello custodito presso il Castello di Thiene.
L’iniziativa è destinata all’aggiornamento e al perfezionamento degli operatori della conservazione del patrimonio archivistico.
Il numero massimo dei partecipanti non potrà essere superiore a 15.

La Summer School si svilupperà nell’arco di 4 settimane intensive (10 giugno-5 luglio 2019, ore 9.00-13.00 e 14.00-17.30) per complessive 150 ore. Essa si svolgerà a Thiene, presso Il Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio dell’Associazione Villa Fabris e si rivolgerà a partecipanti già in possesso di una formazione di base nel campo della conservazione e del restauro dei materiali archivistici e librari. Il percorso didattico si articolerà in lezioni teoriche (60 ore) e in attività pratica di laboratorio (90 ore) e affronterà le seguenti tematiche:
storia e vicende del fondo archivistico;
– aspetti di teoria e storia del restauro del patrimonio archivistico e librario;
– storia, tecniche di manifattura e studio analitico dei materiali archivistici;
– principi di chimica applicata alla conservazione;
– metodiche e tecniche di restauro e di conservazione a lungo termine.
Considerato il carattere di perfezionamento e aggiornamento professionale del corso, saranno proposte e valutate (in termini di efficacia e di invasività) anche procedure innovative per il settore e, in particolare, l’applicazione delle nanotecnologie. Le lezioni teoriche si articoleranno sia in didattica frontale che in dimostrazioni pratiche mirate all’osservazione del materiale originale appartenente all’archivio, all’impiego di tecniche di indagine non invasive per la valutazione dello stato di conservazione e di specifiche operazioni di intervento.
Durante l’attività di laboratorio (90 ore) i partecipanti si confronteranno con l’intervento diretto, individuale e di gruppo, sui documenti dell’archivio del Castello Porto-Colleoni-Thiene che presentano problematiche di conservazione affrontate dai docenti nel corso delle lezioni teoriche.

Calendario Summer School

I settimana
Lunedì 10.06
ore 9.00-9.45
Apertura della Summer School e accoglienza dei partecipanti
ore 10.00-13
Castello di Thiene
L’archivio di famiglia del Castello di Thiene e il progetto Archiporto.
ore 14-17.30
Melania Zanetti
La conservazione del patrimonio archivistico: principi e riflessioni.
Martedì 11.06
ore 9.00-13; 14-17.30
Carlo Federici
Ezio Ornato
Il manufatto carta e le tappe della sua evoluzione geocronologica.
Mercoledì 12.06
ore 9.00-13; 14-17.30
Melania Zanetti
Organizzazione dei laboratori e impostazione delle attività.
Esame dei materiali provenienti dall’Archivio del Castello di Thiene
Giovedì 13.06
ore 9.00-13; 14-17.30
Alfonso Zoleo
I meccanismi di degradazione della carta
Venerdì 14.06
ore 9.00-13; 14-17.30
Alfonso Zoleo
Le tecniche di analisi applicate alla degradazione della carta

II settimana
Lunedì 17.06
ore 9.00-13; 14-17.30
Laboratorio di restauro
Martedì 18.06
ore 9.00-13; 14-17.30
Giovanna Poggi
Nanoparticelle alcaline per la deacidificazione 
Mercoledì 19.06
ore 9.00-13; 14-17.30
Giovanna Poggi
Gel nanofluidi per la pulitura dei supporti cartacei 
Giovedì 20.06
ore 9.00-13; 14-17.30
Laboratorio di restauro
Venerdì 21.06
ore 9.00-13; 14-17.30
Laboratorio di restauro

III settimana
Lunedì 24.06
ore 9.00-13; 14-17.30
Francesca Pascalicchio
Pergamene in archivio: caratterizzazione e proprietà 
Martedì 25.06
ore 9.00-13; 14-17.30
Francesca Pascalicchio
Pergamene in archivio: tecniche d’indagine per valutare lo stato di conservazione 
Mercoledì 26.06
ore 9.00-13; 14-17.30
Laboratorio di restauro
Giovedì 27.06
ore 9.00-13; 14-17.30
Laboratorio di restauro
Venerdì 28.06
ore 9.00-13; 14-17
Laboratorio di restauro

IV settimana
Lunedì 01.07
ore 9.00-13; 14-17.30
Claudia Benvestito
Materiali in forma di rotolo: alternative conservative e soluzioni per il deposito 
Martedì 02.07
ore 9.00-13; 14-17.30
Claudia Benvestito
Materiali in forma di rotolo: alternative conservative e soluzioni per il deposito 
Mercoledì 03.07
ore 9.30-13; 14-17.30
Laboratorio di restauro
Giovedì 04.06
ore 9.00-13; 14-17.30

Laboratorio di restauro
Venerdì 05.06
ore 9.00-13; 14-17.30

Esame finale e chiusura della Summer School.

I docenti

Claudia Benvestito   Laureata in Lettere, si è formata presso il Corso europeo di Formazione specialistica per Conservatori-Restauratori di Beni Librari di Spoleto negli anni 1992-1995.
Dal 1999, è in servizio presso il Laboratorio di Restauro della Biblioteca Nazionale Marciana di Venezia. Si occupa del restauro e della conservazione dei materiali della Biblioteca. Studia e realizza per la Biblioteca contenitori multifunzionali, validi per conservare, consultare ed esporre i beni librari, e altre soluzioni conservative non convenzionali. Cura la progettazione di supporti espositivi e provvede all’allestimento di mostre nella Libreria Sansoviniana.

Carlo Federici    Opera dal 1974 nel campo della conservazione del patrimonio archivistico e librario. È stato direttore della Biblioteca Angelica (1990-1992), dell’Istituto centrale di patologia del libro (1992-2002), della Struttura Biblioteche e Sistemi documentari della Regione Lombardia (2003-2005). Autore di circa 200 pubblicazioni, ha insegnato presso l’Università Cattolica di Milano e l’Università di Padova. Attualmente è docente di Conservazione del materiale archivistico e librario all’Università Ca’ Foscari di Venezia e di Conservazione e restauro del libro a Roma nella Scuola Vaticana di Biblioteconomia.

Ezio Ornato   Directeur honoraire al C.N.R.S., ove ha svolto la totalità della sua carriera scientifica, le sue ricerche hanno riguardato dapprima la storia dell’Umanesimo francese e la tradizione manoscritta delle orazioni ciceroniane, poi il manoscritto medievale, l’incunabolo e la carta, dando un impulso decisivo all’applicazione dei metodi quantitativi alla storia del libro. Alla carta in particolare, ha dedicato numerosi studi, fra i quali i due volumi della Carta occidentale nel tardo Medio Evo, promosso dall’Istituto di patologia del libro (oggi ICRCPAL) alla fine degli anni Novanta del secolo scorso.

Francesca Pascalicchio   Laureata in scienze naturali, ha lavorato come diagnosta presso l’Istituto centrale per il restauro e la conservazione del patrimonio archivistico e librario (ICRCPAL) di Roma dal 1985 al 2018, dirigendone il laboratorio di tecnologia dal 2014 al 2018.  Si è dedicata allo studio dei materiali costitutivi di libri e documenti, delle loro proprietà e caratteristiche e delle tecnologie di produzione, con particolare riguardo a carta e pergamena.  Ha insegnato Tecnologia dei materiali (carta e legno, pergamena e cuoio) presso la Scuola di Alta Formazione dell’ICRCPAL dal 2010 al 2017.

Giovanna Poggi  ha conseguito un dottorato di ricerca in Scienze per i Beni Culturali presso l’Università degli Studi di Firenze. E’ attualmente assegnista di ricerca presso il CSGI e Dipartimento di Chimica della medesima università, dove si occupa dello sviluppo di nanomateriali per la conservazione dei beni culturali. La sua attività di ricerca riguarda principalmente la sintesi e la caratterizzazione di sistemi nanofasici per materiali a base cellulosica e, recentemente, anche la messa a punto di gel per la pulitura di opere d’arte.

Melania Zanetti   Laureata in Conservazione dei beni culturali all’Università di Udine e diplomata nel 1995 al Corso europeo di formazione specialistica per conservatori-restauratori di beni archivistici e librari di Spoleto. Titolare dello Studio Res (Padova), dal 1995 progetta e realizza interventi di conservazione per biblioteche, archivi e musei. Dal 2000 insegna “Teoria e storia del restauro” presso l’Università Cattolica di Milano e dal 2010 è docente di “Restauro del libro e del documento” presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia. Dal 2013 presiede l’Associazione Italiana dei conservatori e restauratori degli archivi e delle biblioteche (AICRAB).

Alfonso Zoleo  Ricercatore universitario confermato presso il Dipartimento di Scienze Chimiche di Padova dal 2010, si occupa dal 2008 principalmente di metodi spettroscopici applicati ai beni culturali, con particolare riferimento al patrimonio archivistico e librario. Collabora con esperti nazionali ed internazionali del settore, afferisce al Centro interdipartimentale di ricerca “Studio e conservazione dei beni archeologici, architettonici e storico-artistici”- CIBA dell’Università di Padova, svolgendo attività di indagine pre-restauro e conoscitiva su opere di vario genere, per committenti pubblici (soprintendenze) e privati. Ha all’attivo decine di pubblicazioni scientifiche anche inerenti i beni culturali, in particolare ai materiali cartacei.

Preiscrizione
Gli interessati a partecipare alla Summer School sono invitati a trasmettere entro il 26 aprile 2019 all’indirizzo email summerschoolthiene@gmail.com  il modulo allegato (Modulo pre-iscrizione corso) compilato in ogni sua parte fornendo tutte le informazioni ritenute utili (curriculum vitae et studiorum, precedenti esperienze, partecipazione a progetti nel campo della conservazione del patrimonio archivistico e librario ecc.) per consentire alla Commissione giudicatrice di stilare una graduatoria degli ammessi a frequentare il corso.

Lezioni teoriche
Le lezioni teoriche saranno aperte alla partecipazione di archivisti, bibliotecari, restauratori e studenti interessati.
Coloro che intendono assistere a tali lezioni sono invitati a trasmettere entro il 26 aprile 2019 all’indirizzo email summerschoolthiene@gmail.com il modulo allegato (Modulo iscrizione lezioni teoriche) compilato in ogni sua parte.

Esame finale, certificato di partecipazione e attestato di frequenza
Al termine della Summer School verrà rilasciato un certificato di partecipazione previo superamento di un esame finale che consisterà nell’esposizione di un elaborato relativo a uno degli argomenti affrontati durante il corso. Per accedere all’esame finale sarà necessario aver frequentato almeno il 90 % delle lezioni e delle esercitazioni di laboratorio.
Agli studenti ammessi alla Summer School verranno riconosciuti dall’Università Ca’ Foscari, Dipartimento di Studi Umanistici 6 CFU (Crediti Formativi Universitari) quale attività di Tirocinio formativo.
Nel certificato di partecipazione verranno specificati gli insegnamenti impartiti e le attività di laboratorio svolte.
Un’attestazione di frequenza verrà rilasciata a coloro che avranno seguito le lezioni teoriche.

Quota individuale d’iscrizione
La quota individuale di iscrizione ammonta a euro 2.000,00 e comprende la frequenza alle lezioni, l’uso delle attrezzature e degli strumenti di laboratorio, i materiali delle esercitazioni, i costi assicurativi, nonché l’alloggio presso la foresteria di Villa Fabris.

Grazie ad un contributo della Fondazione Cariverona, a parziale copertura dei costi, la quota individuale richiesta ai partecipanti è di euro 500,00 (+IVA)
Le iscrizioni non potranno superare i 15 partecipanti.
La frequenza alle lezioni teoriche è gratuita; ad esse saranno ammessi coloro che ne faranno richiesta nei limiti di capienza dell’aula (il criterio di priorità sarà quello cronologico delle domande di partecipazione).

Modalita’ di ammissione
Sulla base delle informazioni trasmesse la Commissione organizzatrice stilerà, secondo il proprio, insindacabile giudizio, una graduatoria degli ammessi al corso e ad assistere alle lezioni teoriche.

La Commissione è composta da Melania Zanetti, presidente, da Carlo Federici e Alberto Finozzi.

Per ulteriori informazioni si prega di rivolgersi a:
ASSOCIAZIONE VILLA FABRIS
via Trieste 43 – Thiene (VI)

(lunedì – venerdì orario 8.00-13.00 // 14.00-17.30)
Telefono 0445.372329
email: info@villafabris.eusummerschoolthiene@gmail.com

Allegati
Modulo pre-iscrizione corso
Modulo iscrizione lezioni teoriche
Calendario Summer School

 

Dopo tre anni di attesa, pubblicati gli elenchi dei restauratori di beni culturali abilitati all’esercizio della professione

Dopo più di 3 anni dalla pubblicazione del bando, il 28 dicembre 2018 il Mibac con i decreti 183 e 192, ha finalmente comunicato nella sezione del sito dedicata alla Direzione Generale Educazione e Ricerca, gli elenchi dei nominativi abilitati all’esercizio della professione di “Restauratore di beni culturali” ex art. 182 ed ex art. 29 del decreto legislativo 22 gennaio 2004 n. 42 (Codice dei beni culturali e del paesaggio). Continua a leggere Dopo tre anni di attesa, pubblicati gli elenchi dei restauratori di beni culturali abilitati all’esercizio della professione

Hai mai pensato ad un corso one to one?

UNA FORMAZIONE PERSONALIZZATA
Tra le sue diverse offerte formative, il Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio di Villa Fabris propone anche corsi “one to one” di diversa durata sulle tecniche artigianali per la conservazione del patrimonio architettonico.
La formula “one to one” consente una vera e propria immersione in un’esperienza formativa unica, dove il maestro artigiano cerca di soddisfare i bisogni dell’allievo e di fare emergere le aree di sviluppo collegate al proprio contesto lavorativo.

A CHI E’ RIVOLTA
L’offerta formativa “one to one” promossa dal Centro Europeo per i Mestiere del Patrimonio è indirizzata a
– architetti
– artigiani
– giovani ed apprendisti che intendano specializzarsi in tecniche specifiche
– giovani laureati o laureandi nel settore della conservazione dei Beni Culturali
– imprenditori
– liberi professionisti
– studiosi nel campo scientifico della conservazione
– tecnici
che vogliono apprendere od approfondire le tecniche proprie del mestiere, sia per intervenire sulla conservazione del patrimonio esistente, sia per qualificare meglio gli interventi costruttivi moderni.

QUANTO DURA
L’offerta “one to one” ha una durata che può variare da una giornata ad un fine settimana oppure ai 3-5 giorni a seconda dell’interesse e della disponibilità dell’allievo.
Di norma, la giornata di formazione ha il seguente orario: al mattino dalle ore 9,00 alle ore 13,00, al pomeriggio dalle ore 14,00 alle ore 17,30.
Per chi fosse interessato il Centro offre un servizio di foresteria e mette a disposizione del partecipante una cucina attrezzata per l’eventuale autogestione dei pasti.

QUALE OFFERTA FORMATIVA
La nostra offerta formativa può riguardare uno o più settori della conservazione e del restauro dei beni culturali: lapideo, superfici decorate, dipinti, legno, metallo, materiale librario e archivistico, manufatti cartacei e pergamenacei, ceramica, tessuti, ecc.
Queste alcune delle nostre proposte formative, ma siamo ben disponibili ad accogliere eventuali particolari esigenze dell’allievo:
Intonaco e stucco
– Lo stucco marmo (Mauro Patrini)
– Il marmorino veneziano (GiuseppeTrolese)
– Le decorazioni a stucco (Jeff Orton)
– Gli intonaci tradizionali veneziani (Giorgio Berto)
Legno
– L’intaglio ligneo (Marco Ziviani)
– Il bassorilievo decorativo (Marco Ziviani)
– Il restauro di mobili e oggetti (Christopher Schairer)
– Come nasce una cornice (Marco Ziviani)
– Cimieri traforati e intagliati (Marco Ziviani)
– Il 700 veneziano (Giuliano Brollo)
Pietra
– Metodi e attrezzature nel restauro (Jonathan Hoyte)
– I calchi per esterni (André Zehrfeld)
Pitture murali
– La pittura a calce (Umberta Trevelin)
– La pittura minerale (Umberta Trevelin)
– Trompe-l’oeil (Pietro Comin)
– Il ritocco con colori a vernice (Fiorella Soffini)
– Le modanature ornate dipinte (Umberta Trevelin)
– L’affresco (Umberta Trevelin)
Decorazione
– La tecnica della doratura (Giancarlo Manuli)
Tessile
– Pizzi e ricami: riconoscimento, manutenzione e restauro (Valentina Lombardo)
– Manufatti tridimensionali: restauro e allestimento (Valentina Lombardo)
– Il restauro del tappeto (Valentina Lombardo)
Ceramica
– La ceramica e il suo restauro (Maria Fortuna)

La vasta esperienza acquisita ha orientato il Centro a finalizzare l’insegnamento della tutela del patrimonio, indirizzandolo sul principio del “saper fare” e quindi del “saper osservare” per “saper conservare”, a garanzia di una manutenzione e conservazione del patrimonio basata sulla conoscenza ed intelligenza degli interventi e soprattutto sulla qualità della professione.
Le lezioni sono fatte essenzialmente di parti pratiche in cui il docente, nello spiegare e realizzare le diverse tecniche, rende partecipe l’allievo, favorisce la comunicazione interattiva, crea una sensazione di benessere, accresce l’empatia e valorizza le specificità dello “studente”.

COME RICHIEDERE UN CORSO ONE TO ONE
Si consiglia di richiedere alla segreteria del Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio l’attivazione di un percorso personalizzato (one to one) almeno tre mesi prima di quando si desidererebbe che venisse realizzato specificando il tipo di tecnica che si vorrebbe conoscere o approfondire e la durata della permanenza presso i laboratori del Centro Europeo.
Per questo si consiglia di compilare la scheda che è stata predisposta e che viene riportata qui sotto.

COSTI E MODALITA’ DI PAGAMENTO
Essendo una formazione personalizzata, la quota di partecipazione va definita una volta concordato i contenuti e la durata dell’intervento formativo.
Per questo è opportuno prenotare il proprio percorso personalizzato rivolgendosi alla Segreteria del Centro Europeo che provvederà a inviare un preventivo  di spesa (centroeuropeo@villafabris.eu).
Il pagamento sarà effettuato dopo la conferma del corso che avverrà tramite e-mail.

SEDE DEL CORSO
Il corso “one to one” si tiene nei laboratori attrezzati del Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio di Villa Fabris a Thiene (VI) – Via Trieste, 43.

SCHEDA DI RICHIESTA ATTIVAZIONE CORSO ONE TO ONE
depliant promozionale corsi one to one

Artigiani pronti a collaborare con i restauratori

Villa Fabris ha ospitato nei giorni scorsi un gruppo di imprenditori artigiani che, per la prima volta in Italia, hanno conseguito un attestato di partecipazione ad un corso di formazione finalizzato a conseguire le competenze per poter eseguire, sotto la direzione e il controllo di un restauratore di beni culturali, varie fasi di lavorazione nell’ambito del settore del restauro in arredi e strutture lignee e nei telai per dipinti antichi e contemporanei.

Si tratta di quelle figure che il Codice dei beni culturali qualifica come “i tecnici di restauro con competenze settoriali”, di cui la legislazione italiana non ha ancora provveduto a definirne i percorsi formativi.

Per questo la Regione del Veneto, grazie all’azione sindacale di Confartigianato Imprese Vicenza e la collaborazione del suo centro di formazione Cesar e del Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio di Thiene, ha intelligentemente raccolto l’invito del mondo imprenditoriale attivando, grazie al Fondo Sociale Europeo, una specifica linea di contributi che hanno consentito ad una ventina di artigiani vicentini di partecipare gratuitamente ai due percorsi sperimentali di formazione di 140 ore, fornendo elementi importanti perché quanto prima si arrivi a delineare l’iter formativo a livello nazionale.

Un progetto quindi “apripista” svolto soprattutto nei laboratori del Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio di Thiene e che ha visto la collaborazione di molti partner del territorio, dall’Associazione Liberi Architetti di Vicenza all’Università di Padova, dal Comune di Vicenza ai Musei civici di Bassano del Grappa, dal Castello di Thiene al Museo diocesano di Vicenza, dal CNR Ivalsa di Sesto Fiorentino all’Engim Veneto di Vicenza – Professioni del Restauro presso il quale sono state svolte alcune altre ore di formazione.

Alla cerimonia di consegna degli attestati, nel salone nobile di Villa Fabris, oltre agli artigiani partecipanti, hanno presenziato il sindaco di Thiene Giovanni Casarotto, il componente della Giunta provinciale di Confartigianato Imprese Vicenza, Nerio Dalla Vecchia, il Presidente di Confartigianato Imprese categoria Restauro e arti varie Alberto Finozzi, il Presidente e il responsabile del Cesar di Vicenza Carlo Pellegrino e Marco Amendola, la restauratrice Barbara D’Incau in rappresentanza dell’Engim Veneto di Vicenza e il segretario dell’Associazione Villa Fabris Giovanni Giuliari.

Nei loro interventi hanno voluto mettere in evidenza come la formazione sia una leva strategica per mantenere e sviluppare il grande patrimonio culturale del territorio e soprattutto come le imprese artigiane abbiamo saputo cogliere questa opportunità di specializzarsi nel settore degli arredi e strutture lignee, nonché in quello di telai di dipinti antichi e contemporanei, acquisendo delle competenze da dei maestri artigiani che, diversamente, avrebbero visto andare perse tutte quelle tecniche ed abilità che contraddistinguono queste lavorazioni.

Dipinti su tela: workshop internazionale sul metodo Mist-Lining

Abbiamo il piacere di segnalare il nostro prossimo workshop internazionale “Mist-Lining – Un metodo alternativo per il restauro strutturale dei dipinti su tela” – con Jos van Och, conservatore Senior di dipinti e Capo Conservatore dello studio SRAL e Bianca Van Velzen, conservatore Senior di dipinti, oggetti dipinti e pelle dorata presso lo studio SRAL (Maastricht – Olanda).

Continua a leggere Dipinti su tela: workshop internazionale sul metodo Mist-Lining

Al via la Summer School di Aggiornamento e Perfezionamento in Conservazione del Patrimonio Archivistico

Ha preso il via questa mattina la Summer School di aggiornamento e perfezionamento in conservazione del patrimonio archivistico promossa dalla nostra Associazione Villa Fabris, Centro europeo per i mestieri del patrimonio in collaborazione con

Continua a leggere Al via la Summer School di Aggiornamento e Perfezionamento in Conservazione del Patrimonio Archivistico

Il Portfolio Restauro – Al via un’iniziativa riservata ai restauratori vicentini per acquisire più commesse di lavoro.

Il mondo del restauro è alquanto variegato e complesso e, spesso, la Committenza (Amministrazioni locali, Enti pubblici ed ecclesiastici, Privati, Musei, ) non sa dove cercare le professionalità per quel determinato lavoro di restauro o conservazione.

Confartigianato Imprese Vicenza e il nostro Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio hanno pensato così di realizzare una pubblicazione da mettere a loro disposizione, di facile consultazione, con tutte quelle notizie utili ad evidenziare le caratteristiche professionali e le competenze in possesso di ciascuna impresa aderente alla Confartigianato e presente nel territorio vicentino. Questo strumento l’abbiamo voluto chiamare “Portfolio Restauro” ed è rivolto solo alle imprese che hanno i requisiti per legge di intervenire sui beni tutelati. Sarà strutturato in modo tale da mettere insieme non solo i dati anagrafici, ma anche quello che l’impresa sa fare, i principali lavori svolti, l’investimento fatto sulla formazione del titolare e degli eventuali collaboratori, il mercato di riferimento. Notizie molto utili, in particolare alle Amministrazioni locali quando devono assegnare lavori sotto la soglia dei 40.000 euro.

Se anche la tua impresa condivide questo percorso di promozione e valorizzazione del lavoro artigiano può inviare entro e non oltre il 31 maggio 2019, l’allegato questionario, compilato in ogni sua parte, al Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio di Villa Fabris (Thiene) con il quale stiamo realizzando l’iniziativa (Via Trieste, 43 36016 Thiene email: centroeuropeo@villafabris.eu tel. 0445 372329).

Sarà nostra cura promuovere poi delle azioni conoscitive verso le principali committenze pubbliche e private, presenti e disseminate nel nostro territorio, affinché questo Portfolio Restauro, basato su adesione volontaria, possa diventare uno strumento condiviso di visibilità ed utilizzo e soprattutto capace di tessere nuove opportunità di collaborazioni e lavoro.

questionario portfolio restauro

Salvaguardare e valorizzare gli edifici religiosi

É risaputo come il territorio vicentino sia ricco di beni culturali di interesse religioso. In Italia esistono circa settantamila luoghi di culto. Un patrimonio che rischia però di non avere più le risorse necessarie per una sua tutela, conservazione e restauro. Continua a leggere Salvaguardare e valorizzare gli edifici religiosi

“Le chiese dei nostri paesi e delle nostre città: un patrimonio per tutti”

Come una comunità può prendersi cura dei beni culturali di interesse religioso

Convegno di studio

Domenica 17 febbraio 2019 ore 15-18
Vicenza – Via dell’Oreficeria, 16
Padiglione 4 – Landscape Arena Turismo Religioso
Koinè – XVIII Salone internazionale del settore religioso Continua a leggere “Le chiese dei nostri paesi e delle nostre città: un patrimonio per tutti”

Avviso pubblico per la costituzione di un elenco di operatori economici Beni Culturali

Il Segretariato Regionale del Mibact per il Veneto ha reso noto l’Avviso Pubblico per la costituzione di un Elenco di Operatori Economici per il conferimento di incarichi professionali attinenti i Beni Culturali ai sensi dell’art. 36 c.2 lettere a, b e c (contratti sotto soglia) del D. Lgs. 50/2016 “Nuovo Codice dei Contratti”.

Continua a leggere Avviso pubblico per la costituzione di un elenco di operatori economici Beni Culturali