Articoli

“I sabato del restauro” con Lorenzo Pontalti – Integrazioni sul supporto cartaceo

Lorenzo Pontalti
Diplomato presso Istituto Centrale per la Patologia del Libro “Alfonso Gallo” di Roma biennio 1981/83
Dal 1983 al 1990 attività di restauratore privato.
Dal 1990 ad oggi restauratore presso il laboratorio di restauro della Provincia autonoma di Trento – Soprintendenza Beni Culturali – Ufficio Beni Librari e Archivistici e Archivio Provinciale
Si occupa di conservazione e restauro di materiale librario e archivistico; svolge attività didattica e di insegnamento presso corsi professionali e universitari.

ARGOMENTI CHE SARANNO TRATTATI NEL CORSO DELL’ INCONTRO
Parte teorica
Presentazione in Power Point:
– Integrazione fisica delle lacune; esperienze e riflessioni.
– L’utilizzo della tavola aspirante nel restauro della carta
– Il restauro delle legature tipo brossura in carta.

Parte pratica
– Sistemi di autocostruzione ed uso di un tavolo aspirante in plexiglas
– Costruzione ed uso di attrezzatura per il leaf-casting in plexiglas (reintegrazione meccanica con fibra di carta).
– L’uso del tavolo aspirante per la pulitura e lo smacchiamento localizzato.
– Foderatura di supporti cartacei su tavolo aspirante.
– L’uso del tavolo aspirante per l’asciugatura di materiale bagnato.
– Il tiraggio e spianamento della pergamena su tavolo aspirante.
– L’uso del cuneo aspirante nel restauro a libro montato.

ORARIO DELLA LEZIONE
La lezione inizia alle ore 9,00 del sabato e termina alle ore 16,00 con il seguente orario: mattino (9.00-13.00) e pomeriggio (14.00-16.00) per un totale di 6 ore di formazione.

COSTI E MODALITA’ DI PAGAMENTO
Quota di  partecipazione per singolo incontro: €. 95,00 + IVA 22%
Soci Confartigianato: €. 85,00 + IVA 22%
Chi si iscrive a più di un incontro avrà uno sconto del 20% sull’importo complessivo.

Il pagamento della lezione dovrà essere effettuato dopo la conferma del corso che avverrà tramite e-mail al raggiungimento del numero minimo di adesioni previsto (5 partecipanti).
La ricevuta di pagamento, che darà la conferma di partecipazione, va inviata a centroeuropeo@villafabris.eu.
Il pagamento dovrà essere effettuato tramite bonifico bancario ad ASSOCIAZIONE VILLA FABRIS – Intesa San Paolo Spa – Agenzia n. 13 di Vicenza – IBAN – IT88 U030 6911 8851 0000 0001 289 indicando la seguente causale: i sabato del restauro e la/e data/e della lezione.

SEDE DELL’INCONTRO
La lezione si tiene presso il Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio di Villa Fabris a Thiene (VI) – Via Trieste, 43.
Per chi fosse interessato il Centro offre un servizio di foresteria.

TERMINE PER ADERIRE
La manifestazione di interesse va comunicata entro e non oltre il 12 ottobre 2020.

MODALITA’ DI ISCRIZIONE
Compilare in ogni sua parte la scheda di manifestazione di interesse che segue.

depliant i sabato del restauro

I sabato del restauro” vogliono essere delle occasioni in cui quanti operano nel campo del restauro e della conservazione dei beni culturali hanno la possibilità di confrontarsi con qualificati ed esperti docenti sulle ultime novità e sui recenti studi che caratterizzano i materiali d’impiego.
Gli incontri si articolano nell’arco di un anno affrontando più settori di intervento in modo da dare a ciascuno la possibilità di scegliere quello più rispondente alla propria specializzazione o interesse.
Si tengono presso “Villa Fabris” a Thiene, edificio settecentesco che ospita anche i laboratori del Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio.
Il coordinamento scientifico è affidato a Paolo Cremonesi e Alberto Finozzi.

“I sabato del restauro” con Enrico Sassoni – Ammonio fosfato per la conservazione delle matrici carbonatiche: 10 anni in laboratorio e in casi reali

Enrico Sassoni, dottore di ricerca in Ingegneria dei Materiali, è attualmente ricercatore presso l’Università di Bologna, dopo aver lavorato per 2 anni presso la Princeton University (USA) e per 6 mesi presso l’Università di Gottinga (Germania). La sua attività di ricerca riguarda principalmente nuovi materiali e metodi per la conservazione dei materiali da costruzione dell’architettura storica. È autore di +80 lavori scientifici, fra cui il primo articolo pubblicato sull’uso dell’ammonio fosfato per la conservazione dei substrati lapidei. La sua attività di ricerca sull’ammonio fosfato è stata finanziata dalla Comunità Europea attraverso una borsa Marie Skłodowska-Curie (https://events.unibo.it/hap4marble).

ARGOMENTI CHE SARANNO TRATTATI NEL CORSO DELL’INCONTRO
L’intervento riguarderà un innovativo metodo di conservazione di pietre carbonatiche, malte e stucchi basato sull’uso di soluzioni acquose di ammonio fosfato. Il metodo, proposto per la prima volta nel 2011, sta attirando un interesse crescente nel mondo del restauro, in considerazione dei risultati molto promettenti ottenuti finora tanto in laboratorio quanto in casi reali. Durante l’intervento verranno illustrati i principi su cui si basa tale metodo e le varie applicazioni per cui il metodo è stato proposto fino ad oggi (dal consolidamento meccanico alla protezione superficiale, dalla desolfatazione di pietre affette da croste nere al conferimento di proprietà autopulenti durevoli). La performance dell’ammonio fosfato verrà poi confrontata con quella di trattamenti alternativi, tradizionali ed innovativi, quali silicato di etile, ammonio ossalato, nanocalci e nanosilice. Verranno infine illustrati alcuni esempi di applicazione del trattamento su casi reali di studio, in Italia e all’estero (inclusa una statua nel parco della Reggia di Versailles).

ORARIO DELLA LEZIONE
La lezione avrà luogo Sabato 3 ottobre 2020 con inizio alle ore 9,00 e termina alle ore 16,00 con il seguente orario: mattino (9.00-13.00) e pomeriggio (14.00-16.00) per un totale di 6 ore di formazione.

COSTI E MODALITA’ DI PAGAMENTO
Quota di partecipazione per singolo incontro: €. 95,00 + IVA 22%
Soci Confartigianato: €. 85,00 + IVA 22%
Chi si iscrive a più di un incontro della nostra iniziativa “I sabato del restauro” avrà uno sconto del 20% sull’importo complessivo.

Il pagamento della lezione dovrà essere effettuato dopo la conferma dell’incontro che avverrà tramite e-mail al raggiungimento del numero minimo di adesioni previsto (5 partecipanti).
La ricevuta di pagamento, che darà la conferma di partecipazione, va inviata a centroeuropeo@villafabris.eu.
Il pagamento dovrà essere effettuato tramite bonifico bancario ad ASSOCIAZIONE VILLA FABRIS – Intesa San Paolo Spa – Agenzia n. 13 di Vicenza – IBAN – IT88 U030 6911 8851 0000 0001 289 indicando la seguente causale: i sabato del restauro e la/e data/e della lezione.

SEDE DELLA LEZIONE
La lezione si tiene presso il Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio di Villa Fabris a Thiene (VI) – Via Trieste, 43.
Per chi fosse interessato il Centro offre un servizio di foresteria.

TERMINE PER ADERIRE
La manifestazione di interesse va comunicata entro e non oltre il 21 settembre 2020.

MODALITA’ DI ISCRIZIONE
Compilare in ogni sua parte la scheda di manifestazione di interesse che segue.

depliant i sabato del restauro

“I sabato del restauro” vogliono essere delle occasioni in cui quanti operano nel campo del restauro e della conservazione dei beni culturali hanno la possibilità di confrontarsi con qualificati ed esperti docenti sulle ultime novità e sui recenti studi che caratterizzano i materiali d’impiego.
Gli incontri si articolano nell’arco di un anno affrontando più settori di intervento in modo da dare a ciascuno la possibilità di scegliere quello più rispondente alla propria specializzazione o interesse.
Si tengono presso “Villa Fabris” a Thiene, edificio settecentesco che ospita anche i laboratori del Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio.
Il coordinamento scientifico è affidato a Paolo Cremonesi e Alberto Finozzi.

Corso di formazione con Mauro Patrini su “Tecnica dello stucco marmo”

IL DOCENTE
MAURO PATRINI
restauratore, artista, formatore

Nasce nel 1965 e fin dagli anni ’80 si appassiona all’arte e all’artigianato. Nel 1993 consegue l’attestato in  Produzione e lavorazione di stucco e scagliola marmorizzati presso il CFP di Cremona. Dal 1992 studia al centro Europeo di formazione degli artigiani di  Venezia  e acquisisce conoscenze e abilità in vari settori artigianali, dall’affresco al marmorino, dai calchi allo stucco. Si specializza nella tecnica della scagliola. Come artigiano gli sono affidate commissioni importanti sia in Italia che all’estero: realizza imponenti decorazioni per architetti newyorkesi a West Palm Beach; a Roma gli sono affidati gli interventi di recupero del pavimento del Coffee House al Palazzo del Quirinale, dello stemma di casa Lancellotti presso la casa d’asta Christie’s e delle scagliole della torre della serra moresca di villa Torlonia. Ha operato in importanti cantieri, tra cui Palazzo Carmi di Parma, gli affreschi del Tiepolo nella chiesa dei SS. Faustino e Giovita a Brescia assieme a Renato Giangualano. Come docente tiene corsi di Stucco marmorizzato presso il Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio. Riesce poi ad abilitare la tecnica artigianale a mezzo espressivo; dal lavoro della bottega, dalla sapienza della manualità crea arte dalle forme minimaliste, semplici e concise fino al complesso territorio del monocromo. Pensa al fare antico per essere attuale. Mauro insegna presso la Fondazione Villa Fabris, a Thiene, perché crede fortemente nella necessità  di tramandare i fondamenti dell’artigianato che hanno fatto dell’Italia il fiore all’occhiello della cultura mondiale in tempi remoti e nell’opportunità di creare dal passato una nuova professionalità in un periodo storico che sembra non dare più prospettive nei settori noti. L’artigiano è il depositario del sapere antico e originario, è il lavoratore dell’arte a cui non servono accademie e patenti artistiche, la sua abilità deriva dalla sua conoscenza, dalla sua esperienza, da quello che fa e da quello che medita, da quello che esprime e da quello che suscita.

A CHI E’ RIVOLTO
Il corso di formazione e rivolto a restauratori, artigiani, liberi professionisti, studenti. Il docente provvederà a fare gli opportuni distinguo in base alle conoscenze e capacità individuali dei singoli partecipanti.

GLI OBIETTIVI DEL CORSO
Lo stucco marmorizzato è uno dei materiali artigianali più appariscenti usati nella decorazione. Nasce dalle mani di abili artigiani che con gesso, colla e pigmenti creano una infinità di finti marmi colorati anche con tonalità e gamme di fantasia. L’accostamento di più marmi o il loro intarsio danno la possibilità di ulteriori effetti. Obiettivo del corso è la conoscenza dei materiali e della composizione degli impasti. Verranno quindi fatte esercitazioni per la decorazione su superfici e su colonne e la creazione di elementi architettonici.

ARGOMENTI CHE SARANNO TRATTATI
A partire da una breve introduzione storica della tecnica e delle varianti dello stucco marmorizzato, saranno trattati i materiali e gli utensili utilizzati, gli impasti e la loro applicazione nelle diverse fasi di spatolatura, lisciatura e lucidatura. Sarà affrontata la tecnica della composizione e dell’intarsio.

METODOLOGIE E STRUMENTI CHE SARANNO UTILIZZATI
Il corso è fatto essenzialmente di parti pratiche in cui il docente, nello spiegare e realizzare le diverse fasi di lavorazione, rende partecipi gli allievi, favorisce la comunicazione interattiva, crea una sensazione di benessere, accresce l’empatia del gruppo, valorizza le specificità di ognuno.

ORE DI FORMAZIONE
40
ore di formazione.

IL CALENDARIO
Il corso inizia lunedì 28 settembre alle ore 9.00 e termina alle ore 13.00 di venerdì 2 ottobre 2020 con lezioni al mattino (orario 9.00 – 13.00) e al pomeriggio (orario 14.00 – 18.00).

COSTI E MODALITA’ DI PAGAMENTO
La quota di partecipazione comprende insegnamento, materiale didattico, utilizzo di attrezzi e laboratori, assicurazione.
Quota di partecipazione€.  500,00 + IVA 22%
Soci Confartigianato:   €. 450,00 + IVA 22%

Il pagamento del corso dovrà essere effettuato dopo la conferma del corso che avverrà tramite e-mail al raggiungimento del numero minimo di adesioni previsto (7 partecipanti). La ricevuta di pagamento, che darà la conferma di partecipazione, va inviata a centroeuropeo@villafabris.eu.
Il pagamento dovrà essere effettuato tramite bonifico bancario a ASSOCIAZIONE VILLA FABRIS – Intesa San Paolo Spa – Agenzia n. 13 di Vicenza IBAN – IT88 U030 6911 8851 0000 0001 289 indicando la seguente causale: corso Patrini 2020 e il nominativo del partecipante.

SEDE DEL CORSO
Il corso si tiene presso il Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio di Villa Fabris a Thiene (VI) – Via Trieste, 43. Per chi fosse interessato il Centro offre un servizio di foresteria.

TERMINE PER ADERIRE
La manifestazione d’interesse va comunicata via email entro e non oltre il giorno venerdì 4 settembre 2020. Successivamente sarà inviata agli interessati una  mail di conferma d’inizio workshop.

MODALITA’ DI ISCRIZIONE
Compilare in ogni sua parte la scheda di manifestazione di interesse che segue:

Scarica depliant corso Patrini 28_09_20
Download Marble Stucco 2020_en

Corso di formazione con Renato Giangualano su “La tecnica dell’affresco”

28 Settembre 2020 2 Ottobre 2020

IL DOCENTE

GIANGUALANO RENATO Maestro restauratore di pitture murali e su tela e docente di Tecniche artistiche

Nasce nel 1949 e inizia l’attività di restauratore di dipinti nel 1964 lavorando presso varie ditte, consegue poi il diploma come tecnico operatore per il restauro presso la scuola E.N.A.I.P. di San Gallo. Nel proprio laboratorio esegue il restauro di dipinti su tela e su tavola, di policromie lignee e dorature. È stato consulente per la Cooperativa Reggiana Pittori TECTON in qualità di direttore artistico per il restauro di edifici monumentali e beni artistici. È accreditato presso le Soprintendenze per i Beni Artistici e Storici  e quelle per i Beni ambientali e Architettonici di varie città d’Italia. Esegue analisi stratigrafiche sugli intonaci di edifici in restauro e consulenze per conto di studi di architetti e ingegneri. In parallelo all’attività di restauro è impegnato come docente presso diverse istituzioni operanti nel settore del restauro architettonico e continua l’attività di consulenza nel settore.      

A CHI E’ RIVOLTO Il corso di formazione e rivolto a restauratori, artigiani, liberi professionisti, studenti. Il docente provvederà a fare gli opportuni distinguo in base alle conoscenze e capacità individuali dei singoli partecipanti.

GLI OBIETTIVI DEL CORSO Il  corso vuole insegnare questa antichissima tecnica di pittura, tutt’ora facilmente realizzabile una volta acquisite poche nozioni di base. Le esercitazioni verranno eseguite su pannelli didattici e i soggetti dipinti potranno derivare da particolari di affreschi famosi o da proposte personali degli allievi.

ARGOMENTI CHE SARANNO TRATTATI Il percorso formativo prevede dei momenti di teoria sulla storia della pittura a fresco, sulla conoscenza dei materiali e dei pigmenti e sull’evoluzione della tecnica nei diversi stili ed epoche. La parte pratica si concentrerà invece sulla preparazione delle  malte per lo strato preparatorio (arriccio) e per quello finale, sulla realizzazione dei disegni preparatori e dello spolvero o del cartone e saranno eseguite esercitazioni su pannelli. Saranno trattati anche i problemi di conservazione.

METODOLOGIE E STRUMENTI CHE SARANNO UTILIZZATI Il corso è fatto essenzialmente di parti pratiche in cui il docente, nello spiegare e realizzare le diverse fasi di lavorazione, rende partecipi gli allievi, favorisce la comunicazione interattiva, crea una sensazione di benessere, accresce l’empatia del gruppo, valorizza le specificità di ognuno.

ORE DI CORSO 40 ore di formazione.

IL CALENDARIO Il corso inizia lunedì 28 settembre alle ore 9.00 e termina alle ore 18.00 di venerdì 2 ottobre 2020 con lezioni al mattino (orario 9.00 – 13.00) e al pomeriggio (orario 14.00 – 18.00).

COSTI E MODALITA’ DI PAGAMENTO                                                                                                             La quota di partecipazione comprende insegnamento, materiale didattico, utilizzo di attrezzi e laboratori, assicurazione. Quota di  partecipazione€.  500,00 + IVA 22% Soci   Confartigianato:   €. 450,00 + IVA 22% Il pagamento del corso dovrà essere effettuato dopo la conferma del corso che avverrà tramite e-mail al raggiungimento del numero minimo di adesioni previsto (7 partecipanti). La ricevuta di pagamento, che darà la conferma di partecipazione, va inviata a centroeuropeo@villafabris.eu. Il pagamento dovrà essere effettuato tramite bonifico bancario a ASSOCIAZIONE VILLA FABRIS – Intesa San Paolo Spa – Agenzia n. 13 di Vicenza – IBAN – IT88 U030 6911 8851 0000 0001 289 indicando la seguente causale: corso Giangualano 2020 e il nominativo del partecipante.

SEDE DEL CORSO Il corso si tiene presso il Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio di Villa Fabris a Thiene (VI) – Via Trieste, 43. Per chi fosse interessato il Centro offre un servizio di foresteria.

TERMINE PER ADERIRE La manifestazione di interesse va comunicata entro e non oltre il giorno venerdì 18 settembre 2020. Successivamente sarà inviata agli interessati una mail di conferma di inizio corso.

MODALITA’ DI ISCRIZIONE Compilare in ogni sua parte la scheda di manifestazione di interesse che segue:

scarica il depliant corso Giangualano settembre 2020 download the brochure Fresco Technique sept. 2020_ Giangualano

Dettagli

Inizio:
28 Settembre 2020
Fine:
2 Ottobre 2020
Prezzo:
€500,00
Categoria Evento:

Organizzatore

Associazione Villa Fabris
Telefono:
0445 372329
Email:
info@villafabris.eu
Sito web:
Visualizza il sito dell'Organizzatore

Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio

Via Trieste, 43
Thiene, Italia
+ Google Maps

Villa Fabris in streaming: il Covid apre nuove opportunità al Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio

Il Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio di Villa Fabris si conferma essere un punto di riferimento nazionale e internazionale per il mondo del restauro. Sabato scorso ha infatti organizzato, presso il Centro Congressi di Confartigianato Imprese Vicenza,, una giornata di studio internazionale alla quale hanno partecipato un centinaio di restauratori artigiani provenienti da tutta Italia e da alcuni Paesi europei.

L’argomenti di studio e di confronto è stato di estrema attualità ed è scaturito proprio dalla richiesta arrivata al Centro Europeo da alcuni restauratori che stanno incontrando difficoltà nelle puliture dei dipinti ad olio moderni.
Grazie al coordinamento scientifico di Paolo Cremonesi, uno dei chimici più autorevoli in campo internazionale, e la collaborazione del presidente provinciale della categoria Restauro di Confartigianato Imprese Vicenza, Alberto Finozzi, si è riusciti a mettere a confronto, attraverso un interessante dialogo tra restauratori e scienziati, il meglio della ricerca inglese, olandese e italiana.
Ilaria Bonaduce dell’Università di Pisa, Aviva Burnstock del The Courtauld Institute of Art di Londra, Bronwyn Ormsby della Principal Conservation Scientist Tate di Londra, Klass Jan van den Berg e Ella Hendriks dell’Università di Amsterdam, Enrica Boschetti restauratrice e Stefano Volpin chimico della Gallerie dell’Accademia di Venezia hanno intrattenuto il pubblico condividendo studi e ricerche finalizzate ad individuare le soluzioni migliori per proteggere i dipinti e portando esperienze dirette che hanno riguardato pittori importanti come, ad esempio, Vincent van Gogh, Pellizza da Volpedo, Piero Marusig.
Attento alla formazione dei giovani, il Centro Europeo ha voluto affrontare per la prima volta, grazie alla collaborazione di Fabbrica Lumière di Asolo, di QHub/Spavi srl di Vicenza e SK idea di Thiene anche la diretta streaming su due canali Youtube (uno in italiano e l’altro in inglese) dando così la possibilità di seguire in diretta, a studenti dell’Accademia di Lubiana in Slovenia, della Scuola Superiore di Conservazione restauro dei beni culturali di Aragona in Spagna, dell’Istituto per la Conservazione e il restauro di Vienna in Austria, del Dipartimento in conservazione e patrimonio dell’università di Malta, l’intera giornata di studio.
L’incontro, che si è aperto con il saluto del Segretario dell’Associazione Villa Fabris, Giovanni Giuliari e del neo eletto presidente regionale della categoria Restauro di Confartigianato, Maristella Volpin, ha messo in luce come questi studi e ricerche se da un lato fanno aumentare i tanti dubbi sul modo di operare in quanto forniscono ulteriori conoscenze sui possibili danni che un cattivo intervento può causare, nello stesso tempo offrono ai restauratori la consapevolezza di quanto sia importante affrontare il proprio lavoro con prudenza, competenza e cautela.

Villa Fabris: Christian Malinverni passa il testimone ad Andrea Piovan

Rinnovate le cariche dell’Associazione che gestisce il Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio di Thiene

Cambio al vertice dell’Associazione Villa Fabris. Dopo sette anni di presidenza, Christian Malinverni passa il testimone ad Andrea Piovan, titolare dell’azienda artigiana For Horses srl che produce linee d’abbigliamento per cavalieri e amazzoni, nonché presidente mandamentale di Confartigianato Imprese di Thiene.

In occasione dell’assemblea dei soci tenutasi qualche giorno fa nel lasciare il suo ruolo di Presidente dell’Associazione, Christian Malinverni ha voluto ringraziare il sindaco di Thiene, Giovanni Casarotto, per la collaborazione leale e fattiva dimostrata in questi anni dall’Amministrazione comunale, i consiglieri per il costante impegno profuso, il personale dell’Associazione per la passione e competenza dimostrate e Confartigianato Imprese Vicenza per l’apporto economico e finanziario dato per il sostegno e lo sviluppo delle tante attività avviate. Ha ricordato come, nel corso dei suoi due mandati, la villa settecentesca si sia trasformata diventando, di fatto, una nuova piazza dove gravitano cinque attività economiche gestite da giovani che nel tempo si sono consolidate, contribuendo a fare di Villa Fabris un centro culturale di tutto rispetto.

A seguito dell’assemblea dei soci che per il prossimo triennio ha eletto il nuovo consiglio direttivo nelle persone di Christian Malinverni, Andrea Piovan, Emanuela Tognolo, Alberto Samperi e Vivian Borsato, si è provveduto a nominare Andrea Piovan quale nuovo presidente, riconfermando l’assessore del Comune di Thiene, Alberto Samperi, come vicepresidente dell’Associazione.

Il neo presidente si è detto entusiasta della squadra chiamata a gestire Villa Fabris, tra l’altro in questo particolare momento in cui la pandemia da Covid-19 sta creando difficoltà a tutte le attività economiche e in particolare a quelle culturali, e si è dimostrato fiducioso sulla ripresa grazie anche alle competenze e professionalità che il nuovo Consiglio Direttivo sarà in grado di mettere in campo. Ha quindi espresso la volontà di proseguire sulla strada finora tracciata, consolidando l’esperienza del Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio, diventato oramai un luogo d’eccellenza a livello nazionale e internazionale per la formazione dei restauratori e degli artigiani che operano nel campo dell’artigianato artistico e della conservazione del patrimonio culturale. Nel suo primo mandato cercherà inoltre di aprire sempre più alla cittadinanza e alle stesse imprese gli spazi e i laboratori della Villa che potrà essere ancor più punto di riferimento per lo sviluppo di tutto il territorio pedemontano, grazie anche all’insostituibile sostegno del Comune di Thiene, Comune di Schio, Cesar e Confartigianato Imprese Vicenza, soci dell’Associazione.

“I sabato del restauro” con Ciro Castelli – Le traverse elastiche nei supporti lignei dipinti: motivazioni, problematiche e soluzioni

I sabato del restauro vogliono essere delle occasioni in cui quanti operano nel campo del restauro e della conservazione dei beni culturali hanno la possibilità di confrontarsi con qualificati ed esperti docenti sulle ultime novità e sui recenti studi che caratterizzano i materiali d’impiego.
Gli incontri si articolano nell’arco di un anno affrontando più settori di intervento in modo da dare a ciascuno la possibilità di scegliere quello più rispondente alla propria specializzazione o interesse.
Si tengono presso “Villa Fabris” a Thiene, edificio settecentesco che ospita anche i laboratori del Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio.
Il coordinamento scientifico è affidato a Paolo Cremonesi e Alberto Finozzi.

ARGOMENTI CHE SARANNO TRATTATI NELL’INCONTRO

1 Agosto 2020 ore 9,00-16,00
Incontro con Ciro Castelli
Maestro artigiano restauratore, docente dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze
LE TRAVERSE ELASTICHE NEI SUPPORTI LIGNEI DIPINTI: MOTIVAZIONI, PROBLEMATICHE E SOLUZIONI

Controllo dei supporti con “traverse elastiche”

La traversa elastica sia come concetto che per operazioni ribaltano il pensiero tecnologico che si afferma tra la fine del Settecento, Ottocento e larga parte del Novecento. Il manufatto ligneo, costituito da materiale che risulta tipicamente anisotropo ed eterogeneo con l’invecchiamento, le variazioni climatiche e altre calamità naturali, subisce deformazioni irreversibili che deteriorano gli starti preparatori e pittorici. A tale condizione non rispondiamo come in passato con una serie di operazioni distruttive e coercitive sul supporto, ma accertate le deformazioni, le controlliamo e  le guidiamo in modo elastico e con possibilità di registrazione nel tempo. Questa tipologia di traversa agisce nel supporto in modo completamente opposto agli interventi del passato, mantiene l’integrità del manufatto, testimonianza storica dello sviluppo di tecnologie dal Medioevo al Rinascimento, ma per le sue caratteristiche assorbe le forze di contrasto tra le parti, causa maggiore per il deterioramento degli strati preparatori e pittorici.

Presentazioni di restauri del passato

Alcuni interventi con traverse e telai elastici.

ORARIO DELLA LEZIONE
La lezione inizia alle ore 9,00 del sabato e termina alle ore 16,00 con il seguente orario: mattino (9.00-13.00) e pomeriggio (14.00-16.00) per un totale di 6 ore di formazione.

COSTI E MODALITA’ DI PAGAMENTO
Quota di  partecipazione per singolo incontro: €. 95,00 + IVA 22%
Soci Confartigianato: €. 85,00 + IVA 22%
Chi si iscrive a più di un incontro avrà uno sconto del 20% sull’importo complessivo.

Il pagamento della lezione dovrà essere effettuato dopo la conferma che avverrà tramite e-mail al raggiungimento del numero minimo di adesioni previsto (5 partecipanti).
La ricevuta di pagamento, che darà la conferma di partecipazione, va inviata a centroeuropeo@villafabris.eu.
Il pagamento dovrà essere effettuato tramite bonifico bancario ad ASSOCIAZIONE VILLA FABRIS – Intesa San Paolo Spa – Agenzia n. 13 di Vicenza – IBAN – IT88 U030 6911 8851 0000 0001 289 indicando la seguente causale: i sabato del restauro e la/e data/e della lezione.

SEDE DELLA LEZIONE
La lezione si tiene presso il Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio di Villa Fabris a Thiene (VI) – Via Trieste, 43.
Per chi fosse interessato il Centro offre un servizio di foresteria.

TERMINE PER ADERIRE
La manifestazione di interesse va comunicata entro e non oltre il 20 luglio 2020.

MODALITA’ DI ISCRIZIONE
Compilare in ogni sua parte la scheda di manifestazione di interesse che segue.

depliant i sabato del restauro

Patrimonio culturale: non dimentichiamoci dell’artigianato

Nei giorni scorsi si è tenuto un importante simposio internazionale sul tema della conservazione del patrimonio e dei principi di qualità alla base dei progetti finanziati dall’Unione Europea con potenziale impatto sul patrimonio culturale. Per la prima volta ICOMOS, Consiglio Internazionale dei Monumenti e dei Siti, organizzazione non governativa e organo consultivo dell’UNESCO la cui missione è quella di promuovere la conservazione, la protezione, l’uso e la valorizzazione di monumenti, complessi costruiti e siti, ha aperto le porte del dibattito al mondo artigiano ed ha voluto che anche Il Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio di Villa Fabris a Thiene portasse il proprio contributo.

Stefania Barsoni, nel suo ruolo anche di Presidente della Federazione Europea per i Mestieri del Patrimonio, ha potuto così confrontarsi con altri esperti internazionali sull’importante e delicato tema di quelli che dovrebbero essere i criteri di qualità da porre alla base dei finanziamenti EU nel settore della conservazione e del patrimonio.

Forte della sua quarantennale esperienza che ha sempre dato voce all’importanza del sapere tradizionale, all’unicità delle tecniche antiche e al valore delle buone prassi, con uno sguardo particolare all’innovazione tecnologica,  il Centro europeo per i Mestieri del Patrimonio di Villa Fabris con il suo accorato appello “non dimentichiamoci dell’artigianato!” ha sottolineato l’urgenza e l’importanza di offrire pari opportunità agli artigiani e ai giovani apprendisti nella formazione di eccellenza anche transnazionale potendo usufruire di un sistema di borse di studio al pari del mondo universitario e la necessità che i requisiti di accesso e i criteri di selezione dei programmi di sovvenzione e dei bandi europei – e non solo – permettano l’accesso anche alle aziende artigiane.

Le proposte vicentine hanno ottenuto ampio consenso ed hanno sottolineato come il mettersi in rete e condividere le esigenze e le dinamiche a livello nazionale ed internazionale sia ormai un approccio imprescindibile ai temi di forte impatto economico e sociale. I due giorni di simposio internazionale, tenutosi in videoconferenza a causa del covid-19 e che ha visto la partecipazione di oltre un centinaio di esperti, ha ribadito la necessità di una collaborazione positiva e fruttuosa tra tutti gli attori del settore chiamati a contribuire con le specifiche professionalità in un’ottica di trasparenza e  di valorizzazione dei reciproci saperi.

“I sabato del restauro” con Enrica Boschetti – Rimozione di residui di colle dai supporti dei dipinti su tela

I sabato del restauro vogliono essere delle occasioni in cui quanti operano nel campo del restauro e della conservazione dei beni culturali hanno la possibilità di confrontarsi con qualificati ed esperti docenti sulle ultime novità e sui recenti studi che caratterizzano i materiali d’impiego.
Gli incontri si articolano nell’arco di un anno affrontando più settori di intervento in modo da dare a ciascuno la possibilità di scegliere quello più rispondente alla propria specializzazione o interesse.
Si tengono presso “Villa Fabris” a Thiene, edificio settecentesco che ospita anche i laboratori del Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio.
Il coordinamento scientifico è affidato a Paolo Cremonesi e Alberto Finozzi.

ARGOMENTI CHE SARANNO TRATTATI           

11 luglio 2020 ore 9,00-16,00
Incontro con Enrica Boschetti
Restauratrice privata, titolare di laboratorio specializzato in conservazione e restauro di dipinti su tela e tavola a Milano
RIMOZIONE DI RESIDUI DI COLLE DAI SUPPORTI DEI DIPINTI SU TELA

1 Agosto 2020 ore 9,00-16,00
Incontro con Ciro Castelli
Maestro artigiano restauratore, docente dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze
LE TRAVERSE ELASTICHE NEI SUPPORTI LIGNEI DIPINTI: MOTIVAZIONI, PROBLEMATICHE E SOLUZIONI

5 Settembre 2020 ore 9,00-16,00
Incontro con Roberta Gasperini
Biologa dei Beni Culturali Verona
VALUTAZIONE DI DIVERSI METODI PER IL CONTROLLO DEL BIODETERIORAMENTO DEI BENI CULTURALI

3 Ottobre 2020 ore 9,00-16,00
Incontro con Enrico Sassoni
Ricercatore scienza e tecnologia dei materiali Università di Bologna
AMMONIO FOSFATO PER LA CONSERVAZIONE DELLE MATRICI CARBONATICHE: 10 ANNI IN LABORATORIO E IN CASI REALI

24 Ottobre 2020 ore 9,00-16,00
Incontro con Lorenzo Pontalti
Provincia Autonoma di Trento  Soprintendenza per i beni culturali Ufficio beni archivistici, librari e archivio prov.le Trento
INTEGRAZIONI SUL SUPPORTO CARTACEO

31 ottobre 2020 ore 9,00-16,00
Incontro con Peter Kopp
Storico dell’arte, restauratore, insegnante senior all’Akademie der Bildenden Künste di Vienna
SCHIUME PER LA PULITURA DI SUPERFICI LIGNEE DIPINTE E NON DIPINTE

7 Novembre 2020 ore 9,00-16,00
Incontro con Ottaviano Allegretti
Ricercatore presso il CNR-IBE San Michele all’Adige (TN)
LA PROTEZIONE DEL RETRO NEI DIPINTI SU TAVOLA. STUDI ED APPLICAZIONI

21 Novembre 2020 ore 9,00-16,00
Incontro con Paolo Cremonesi
Chimico, docente di corsi di pulitura su opere d’arte mobili Cornegliano Laudense (LO)
RIMOZIONE DI VERNICI CON SOSTANZE IN AMBIENTE ACQUOSO

5 Dicembre 2020 ore 9,00-16,00
Incontro con Stefano Volpin
Chimico diagnosta Gallerie dell’Accademia di Venezia
AGGIORNAMENTO SULLE TECNICHE DIAGNOSTICHE PER LE OPERE D’ARTE

ORARIO DELLE LEZIONI
La singola lezione inizia alle ore 9,00 del sabato e termina alle ore 16,00 con il seguente orario: mattino (9.00-13.00) e pomeriggio (14.00-16.00) per un totale di 6 ore di formazione.

COSTI E MODALITA’ DI PAGAMENTO
Quota di  partecipazione per singolo incontro: €. 95,00 + IVA 22%
Soci Confartigianato: €. 85,00 + IVA 22%
Chi si iscrive a più di un incontro avrà uno sconto del 20% sull’importo complessivo.

Il pagamento del corso dovrà essere effettuato dopo la conferma del corso che avverrà tramite e-mail al raggiungimento del numero minimo di adesioni previsto (5 partecipanti).
La ricevuta di pagamento, che darà la conferma di partecipazione, va inviata a centroeuropeo@villafabris.eu.
Il pagamento dovrà essere effettuato tramite bonifico bancario ad ASSOCIAZIONE VILLA FABRIS – Intesa San Paolo Spa – Agenzia n. 13 di Vicenza – IBAN – IT88 U030 6911 8851 0000 0001 289 indicando la seguente causale: i sabato del restauro e la/e data/e della lezione.

SEDE DEL CORSO
Il corso si tiene presso il Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio di Villa Fabris a Thiene (VI) – Via Trieste, 43.
Per chi fosse interessato il Centro offre un servizio di foresteria.

TERMINE PER ADERIRE
La manifestazione di interesse va comunicata entro e non oltre il 19 giugno 2020.

MODALITA’ DI ISCRIZIONE
Compilare in ogni sua parte la scheda di manifestazione di interesse che segue.

depliant i sabato del restauro

La Regione pubblica l’elenco dei tecnici del restauro con competenze settoriali

La Regione Veneto fa da apripista e, per la prima volta in Italia, viene pubblicato l’elenco dei tecnici del restauro con competenze settoriali, la terza figura professionale prevista dal Codice dei Beni Culturali. Si tratta di un artigiano che, dopo avere frequentato uno specifico corso di formazione, sotto la direzione ed il controllo di un restauratore di beni culturali può concorre all’esecuzione di un intervento conservativo, eseguendo varie fasi di lavorazioni di supporto per tecniche e attività definite, con un’autonomia decisionale limitata alle operazioni di tipo esecutivo.

Nel caso dei quindici artigiani vicentini, formatisi nei laboratori di Villa Fabris a Thiene, grazie alla collaborazione tra Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio, Confartigianato Imprese Vicenza, Cesar srl ed Engim Veneto professioni del restauro, si tratta di figure professionali che si sono formate nel settore degli “Arredi e strutture lignee”, acquisendo competenze e abilità per intervenire principalmente su infissi storici e su telai per dipinti su supporto tessile.

La loro professionalità viene ora riconosciuta ufficialmente attraverso l’istituzione dell’Elenco regionale al quale, al momento,  sono iscritte un centinato di imprese artigiane di tutto il Veneto suddivise in più settori: dai materiali lapidei ai manufatti scolpiti in legno, dalle superfici decorate dell’architettura agli arredi e strutture lignee.

Altre figure si aggiungeranno a questo elenco con l’ imminente ripresa, dopo il lockdown per il coronavirus, del corso che si terrà, sempre presso i laboratori di Villa Fabris, per tecnici del restauro con competenze specifiche nel campo degli intonaci storici.  Inoltre la Regione Veneto ha in questi giorni approvato un ulteriore corso di formazione per la creazione di figure professionali capaci di intervenire sulle superfici decorate dell’architettura. Due importanti proposte formative alle quali si sono iscritte già oltre una trentina di imprese artigiane vicentine e resa possibile grazie alla collaborazione tra Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio di Thiene e l’Engim Veneto professioni del restauro di Monticello Conte Otto.

A conclusione di queste due esperienze di formazione anche questi artigiani potranno essere iscritti all’elenco regionale del tecnici del restauro di beni culturali con competenze settoriali, oggi consultabile all’indirizzo www.cliclavoroveneto.it/-/elenco-tecnico-restauro-veneto.